Dettaglio del logo (moneta raffigurante Arechi II) dell'Universitā del Sannio
| Offerta didattica | Facoltà | Eventi e news | Avvisi | Esami | Guida ECTS | Cerca persone | Cerca nel sito | Mappa del sito |
Testo normale | Testo grande | Alto contrasto | Solo testo | Stampa la pagina | Privacy policy | Accessibilità |
Sei nella pagina indice --> Vita universitaria --> Assegnazione voto di Laurea

L'assegnazione del voto finale di Laurea, Laurea Magistrale e Laurea Specialistica segue i criteri di seguito descritti.

Assegnazione voto di laurea triennale
(ordinamento D.M. 270/04)

Per gli iscritti secondo l'ordinamento 270 il voto finale di Laurea si ottiene sommando al voto di base il punteggio relativo alla prova finale.

Il voto di base è calcolato come media ponderata dei voti riportati nei singoli esami, assumendo come peso il numero dei crediti associati a ciascun corso di insegnamento. Non entrano nel computo i crediti acquisiti senza voto. Per la valutazione del voto di base per la laurea, eventualmente a discrezione del Consiglio di Corso di Laurea, possono contribuire alla determinazione della media ponderata gli esami in soprannumero oltre i 180 crediti, fino a un massimo di 18 crediti.

Il voto di base va riportato in 110mi.

Il voto di base viene incrementato di ulteriori:

  • 0,2 punti per ciascuna lode ottenuta negli esami di profitto;
  • 0,4 punti, non modulabili né cumulabili, nel caso lo studente abbia svolto l’elaborato finale di laurea all’estero o abbia sostenuto esami all’estero nell’ambito di un progetto Erasmus.

Il voto di cui sopra viene incrementato di un ulteriore punteggio (da 0 a 4 punti) relativo ai tempi per il conseguimento del titolo. Tale punteggio viene assegnato rispetto alla durata prevista del percorso di studio, secondo la seguente tabella:

PUNTEGGIO AGGIUNTIVO PER TEMPI ATTRAVERSAMENTO
Mese seduta Anno Accademico prima immatricolazione studente
  11/12 10/11 09/10 08/09 07/08 06/07 05/06
GIU-LUG 2014 4,0 4,0 3,8 2,8 1,8 0,8 0,0
SET-OTT 2014 4,0 4,0 3,6 2,6 1,6 0,6 0,0
NOV-DIC 2014 4,0 4,0 3,4 2,4 1,4 0,4 0,0
GEN-FEB 2015 4,0 4,0 3,2 2,2 1,2 0,2 0,0
MAR-MAG 2015 4,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 0,0

NB: per "anno di prima immatricolazione" si intende l’anno accademico in cui, dopo il conseguimento del diploma di scuola media superiore, ci si è immatricolati o iscritti per la prima volta presso un qualsiasi Ateneo o Istituto Universitario operante sul territorio italiano.

Il voto di base definitivo è calcolato mediante approssimazione (per eccesso o per difetto) all’intero più vicino del voto in centodecimi con le prime due cifre decimali (ad esempio: 103,49 diventa 103; 103,50 diventa 104).

Il voto finale si ottiene sommando al voto calcolato il voto relativo alla prova finale, compreso tra 0 e 4 punti, che tiene conto della qualità dell’elaborato e della capacità espositiva dello studente.

La lode può essere attribuita con parere unanime della Commissione ai candidati che conseguono un punteggio finale non inferiore a 111/110.

Assegnazione voto di laurea magistrale
(ordinamento D.M. 270/04)

Per gli iscritti secondo l'ordinamento 270 il voto finale di laurea magistrale si ottiene sommando al voto di base il punteggio relativo alla prova finale.

Il voto di base è calcolato come media ponderata dei voti riportati nei singoli esami, assumendo come peso il numero dei crediti associati a ciascun corso di insegnamento. Non entrano nel computo i crediti acquisiti senza voto. Per la valutazione del voto di base per la laurea magistrale possono contribuire alla determinazione della media ponderata gli esami in soprannumero oltre i 120 crediti, eventualmente a discrezione del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale, fino a un massimo di 12 crediti.

Il voto di base va riportato in 110mi.

Il voto di base viene incrementato di ulteriori:

  • 0,2 punti per ciascuna lode ottenuta negli esami di profitto;
  • 0,4 punti, non modulabili né cumulabili, nel caso lo studente abbia svolto la tesi all’estero o abbia sostenuto esami all’estero nell’ambito di un progetto Erasmus.

Il voto viene incrementato di un ulteriore punteggio (da 0 a 3 punti) relativo ai tempi per il conseguimento del titolo. Tale punteggio viene assegnato rispetto alla durata prevista del percorso di studio, secondo la seguente tabella:

PUNTEGGIO AGGIUNTIVO PER TEMPI ATTRAVERSAMENTO (LAUREA MAGISTRALE)
Mese seduta Anno Accademico prima immatricolazione studente
  12/13 11/12 10/11 09/10 08/09 07/08
GIU-LUG 2014 3,0 3,0 2,8 1,8 0,8 0,0
SETT-OTT 2014 3,0 3,0 2,6 1,6 0,6 0,0
NOV-DIC 2014 3,0 3,0 2,4 1,4 0,4 0,0
GEN-FEB 2015 3,0 3,0 2,2 1,2 0,2 0,0
MAR-MAG 2015 3,0 3,0 2,0 1,0 0,0 0,0
NB: per "anno di prima immatricolazione" si intende l’anno accademico in cui, dopo il conseguimento della laurea di primo livello, ci si è immatricolati o iscritti per la prima volta presso un qualsiasi Ateneo o Istituto Universitario operante sul territorio italiano ad un Corso di Laurea di secondo livello.

Il voto di base definitivo è calcolato mediante approssimazione (per eccesso o per difetto) all’intero più vicino del voto in centodecimi con le prime due cifre decimali (ad esempio: 103,49 diventa 103; 103,50 diventa 104).

Il voto finale si ottiene sommando al voto calcolato il voto relativo alla prova finale, compreso tra 0 e 5 punti, che tiene conto della qualità della tesi e della capacità espositiva dello studente.

La lode può essere attribuita con parere unanime della Commissione ai candidati che conseguano un punteggio finale non inferiore a 112/110.

Assegnazione voto di laurea e laurea specialistica
(ordinamento D.M. 509/99)

Per gli iscritti secondo l'ordinamento 509 il voto finale di Laurea e Laurea Specialistica si ottiene sommando al voto di base il punteggio relativo alla prova finale.

Il voto di base è calcolato come media ponderata dei voti riportati nei singoli esami, assumendo come peso il numero dei crediti associati a ciascun corso di insegnamento. Non entrano nel computo i crediti acquisiti senza voto.

Il voto di base definitivo è calcolato mediante approssimazione (per eccesso o per difetto) all’intero più vicino del voto in centodecimi con le prime due cifre decimali (ad esempio: 103,49 diventa 103; 103,50 diventa 104).

Il punteggio relativo alla prova finale è attribuito dalla Commissione sulla base dei seguenti criteri:

  • Qualità del curriculum degli studi dello studente, in termini sia dei voti relativi ai CFU di base e caratterizzanti acquisiti che del tempo impiegato a completare il percorso degli studi, posto in relazione con la durata normale degli studi o con quella alternativamente prevista nel contratto stipulato tra lo studente e l'Ateneo: il punteggio attribuito può variare tra 0 e 3;
  • Qualità della relazione finale: il punteggio può variare tra 0 e 4;
  • Qualità dell'esposizione (incluse la proprietà di linguaggio, la chiarezza e la completezza): il punteggio può variare tra 0 e 2.

Assegnazione voto di laurea quinquennale
(ordinamento ante D.M. 509/99)

Il voto finale di Laurea (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica, laurea quinquennale) si ottiene sommando al voto di base il punteggio relativo alla prova finale. Si parte dalla media base in trentesimi, effettuata sui migliori 27 esami. Tale media viene riportata in centodecimi.

Il voto di base definitivo è calcolato mediante approssimazione (per eccesso o per difetto) all’intero più vicino del voto in centodecimi con le prime due cifre decimali (ad esempio: 103,49 diventa 103; 103,50 diventa 104).

Si assegnano, a discrezione della Commissione della seduta di Laurea, fino ad un massimo di 8 punti.


Ultimo aggiornamento: 01.07.2014 - Per informazioni o commenti: webmaster.ingegneria@unisannio.it